TUTORIAL 11 Novembre 2018

Trucchi per tenere calme le api

Vota questo articolo
(0 Voti)

Vorresti essere un apicoltore che visita il proprio apiario senza protezioni ma le tue api sono indemoniate e hai sempre un po' di premura? Vediamo insieme cosa possiamo fare per mantenere docili le nostre api.

Partiamo da una premessa importante che é quella della sicurezza sui luoghi di lavoro. Come previsto dal D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81, il Testo unico sulla sicurezza sul lavoro, é obbligatorio proteggere la nostra sicurezza e quella degli altri con gli adeguati dispositivi di sicurezza mentre stiamo lavorando.

Tuttavia con il caldo estivo cui (purtroppo) ci stiamo abituando, immagina quanto sarebbe d'aiuto non indossare la tuta e vivere un contatto ancor più diretto con le api.

In questo articolo non ti racconterò come mettere a rischio la tua salute nei modi più strani ma, se come me appartieni alla schiera dei possessori di api "sulla difensiva", continua a leggere perché ci sono alcune accortezze che possiamo mettere in atto per tranquillizzare le nostre api e, in questo articolo, ne vedremo alcune. Come tutti i rapporti di coppia, anche quello tra noi e le api richiede impegno, prima di tutto da parte nostra.

Ricordati sempre però che possiamo mettercela tutta ma che gli imprevisti sono dietro l'angolo e è meglio non rischiare quando si parla della nostra sicurezza.

 

Mantieni la calma, sempre.

mantere la calma

Questa é senza dubbio una regola base che le racchiude tutte. Ogni apicoltore o chiunque abbia a che fare con le api dovrebbe imprimersela nella mente come un mantra.

La calma é la base dell'apicoltura, se non hai calma impara ad averla.

 

La calma é la base dell'apicoltura, se non hai calma impara ad averla. bit.ly/2qHWdv7clicca per twittare

 

Agitarsi o peggio, farsi prendere dal panico, può infatti comportare azioni improvvise che espongono te e le api ad ulteriori pericoli. É invece importante rimanere sempre lucidi per decidere bene e comportarsi correttamente in apiario. Ne va della tua salute e di quella delle tue api.

 

Usa l'affumicatore (con parsimonia)

usa l'affumicatore con parsimonia

L'uso dell'affumicatore è una pratica comune per calmare le api1 durante le ispezioni in apiario.

Al tempo stesso rappresenta per le api un fattore di stress ed é bene evitare di abusarne. Il fumo induce nelle api un meccanismo di "ingozzamento" che le distrae da altri incarichi2. É un po' come se l'effetto del fumo venisse interpretato dalle api come un "incendio in arrivo" (un evento traumatico) dal quale bisogna correre al riparo prendendo quante più scorte possibili.

Oltre a questo, il fumo sembra mascherare e ridurre il rilascio e la diffusione del feromone d'allarme all'interno della colonia3 e, al tempo stesso, interferisce con il meccanismo sensoriale delle api, impedendo ai recettori che si trovano sulle antenne delle api operaie di recepire il segnale di allarme del feromone4.

 

Riduci i movimenti e respira regolarmente

muoviti piano e con attenzione mentre sei in apiario

Le api da miele hanno sempre dovuto difendersi da diversi predatori come mammiferi (orsi), insetti (calabroni) e uccelli (gruccioni). Nel corso della loro evoluzione le api hanno imparato ad individuare queste minacce attraverso stimoli visivi (colore) e motori (movimento)5.

É stato osservato infatti come un bersaglio stazionario coperto di feromone d'allarme attragga molto meno le api rispetto ad un bersaglio in movimento non coperto dal feromone6. Il nostro stesso respiro attira l'attenzione delle api come quello di qualunque altro mammifero. Dobbiamo quindi ricordarci di evitare di "scappare" dal nostro apiario, ridurre i movimenti bruschi e di respirare piano e con regolarità per far stare più calme le nostre api.

 

Partecipa al workshop di

Apicoltura in Pratica

Per fare insieme pratica di apicoltura presso l'apiario, approfondire la conoscenza delle api nelle diverse stagioni e vivere un'esperienza immersiva a contatto con la natura.

Scopri le date

 

Non schiacciare le api

non schiacciare le api

Può sembrare banale ma quando schiacci un'ape, anche solo per sbaglio, corri il rischio di mettere in allerta le altre api a causa dei feromoni d'allarme rilasciati dalla malcapitata. Cerca sempre di muoverti con delicatezza in apiario, spostando le api gentilmente quando devi rimettere a posto i telai o riposizionare un melario.

 

Scegli il giorno giusto

Scegli il giorno giusto

"Il posto sbagliato al momento sbagliato" con le api assume un nuovo significato di verità assoluta. Diversi fattori atmosferici (temperatura, intensità della radiazione solare, velocità del vento, umidità, pressione barometrica) possono accentuare il comportamento difensivo di una colonia7.

Scegli con attenzione il giorno per ispezionare le tue api e vedrai che sarà più facile per voi andare d'amore e d'accordo.

 

Bibliografia

1. Goillot, C. (1954) Action de La fumee sur Apis mellifica. Annis. Epiphyt. 5 : 259-271

2. David C. Newton (1968) Behavioural Response of Honeybees to Colony Disturbance by Smoke. I. Engorging Behaviour Journal of Apicultural Research - Volume 7, ISSUE 1.

3. Stephanie L. Gage, et al. (2018) Smoke Conditions Affect the Release of the Venom Droplet Accompanying Sting Extension in Honey Bees (Hymenoptera: Apidae), Journal of Insect Science, Volume 18, Issue 4, 1

4. Visscher, P.K. et al. (1995). Alarm pheromone perception in honey bees is decreased by smoke (Hymenoptera: Apidae). J. Insect Behav. 8, 11-18.

5. Michael D. Breed, et al (2004) DEFENSIVE BEHAVIOR OF HONEY BEES: Organization, Genetics, and Comparisons with Other Bees. Annu. Rev. Entomol. 2004. 49:271–98.

6. Wager B.R. & Breed M.D. (2000) Does honey bee sting alarm pheromone give orientation information to defensive bees? Ann. Entomol. Soc. Am. 93:1329–32

7. Southwick E. E. & Moritz R. F. A. (1987) Effects of meteorological factors on defensive behaviour of honey bees. International Journal of Biometeorology, Volume 31, Issue 3, pp 259-265.

 

 

 

LOGO BUONO

Resta aggiornato sui nuovi contenuti!

Unisciti a +1000 persone che stanno scoprendo qualcosa di BUONO!
Iscriversi è gratuito, cancellarsi.. anche. Prova!


Letto 254 volte
Ultima modifica il 12 Novembre 2018
Carlo Taccari

Nato a Roma nel 1980, laureato nel 2010 in Biologia Evoluzionistica. Presidente dell'Associazione è fotografo e grafico professionista. Si occupa per “BUONO” degli aspetti relativi alla comunicazione e all’immagine dell’Associazione.