Buono #14 Buono #14 © carlo taccari / freakinart.com
20BUONI 04 Agosto 2015

#14 BUONO - chi sono?

Vota questo articolo
(0 Voti)

Matematico, crittografo e filosofo, viene considerato uno dei padri dell'informatica.

Ad Alan Mathison Turing dobbiamo probabilmente molta della tecnologia che oggi è parte integrante delle nostre vite. Nel 1936 teorizza la macchina di Turing che non era una macchina fisica ma un modello teorico la cui importanza sta nell'aver descritto per la prima volta una macchina che fosse in grado di fare elaborazione di dati di ogni genere, rappresentando di fatto un punto di partenza visionario che nel tempo portò ad immaginare le nostre macchine o computer moderni.

Durante la Seconda Guerra Mondiale gli viene affidata la guida del gruppo di crittografi arruolati dal governo britannico per decifrare il codice Enigma, sistema di comunicazione crittografato usato dai sottomarini nazisti U-Boat. Turing e i suoi compagni di lavoro riescono nell'impresa costruendo “Colossus”, una macchina in grado di decrittare le comunicazioni naziste che permise di vincere la battaglia dell'Atlantico. Nel 1950 Turing pubblica un articolo dal titolo "Computing machinery and intelligence", sul quale si basa buona parte dei successivi studi sull'intelligenza artificiale. Turing era convinto che si potesse raggiungere un'intelligenza davvero artificiale solo seguendo gli schemi del cervello umano. Nell'articolo egli descrive quello che in seguito sarebbe divenuto noto come il test di Turing, un criterio per determinare se una macchina sia in grado di pensare, ossia se sia capace di capace di elaborare idee, concatenarle ed esprimerle. 

“Possiamo vedere solo poco davanti a noi, ma possiamo vedere tante cose che bisogna fare.” - Alan Mathison Turing

 

 

LOGO BUONO

Resta aggiornato sui nuovi contenuti!

Unisciti a +1000 persone che stanno scoprendo qualcosa di BUONO!
Iscriversi è gratuito, cancellarsi.. anche. Prova!


Letto 1310 volte
Ultima modifica il 08 Marzo 2017
Stefano Fagiani

Nato a Roma nel 1979, laureato in Scienze Naturali e dottore di ricerca in Biologia della Conservazione. Da quando ha tenuto tra le mani per la prima volta un favo pieno di api non è più riuscito a smettere. Si occupa per “BUONO” della gestione dell'apiario.