Isaac Newton (1642 – 1727) Isaac Newton (1642 – 1727) © BUONO
20BUONI2 04 Novembre 2016

Buono #1 - Chi sono?

Vota questo articolo
(0 Voti)

Matematico, fisico, filosofo naturalista, astronomo, teologo e alchimista. Newton è considerato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi.

Fu Presidente della Royal Society. Noto soprattutto per il suo contributo alla meccanica classica (ricordate "Newton e la mela") contribuì in maniera fondamentale a più di una branca del sapere. E’ autore dell’opera Philosophiae Naturalis Principia Mathematica del 1687, nella quale è descritta la legge di gravitazione universale e, attraverso le sue leggi del moto, stabilì i fondamenti della meccanica classica.

Newton inoltre condivise con Gottfried Wilhelm Leibniz la paternità dello sviluppo del calcolo differenziale o infinitesimale. Newton diede per primo la formulazione della teoria gravitazionale, con la quale i fenomeni terrestri sono unificati a quelli celesti, rielaborando ed unificando le leggi di Keplero sulle orbite planetarie e quelle di Galileo sulla caduta degli oggetti.

Tra le sue opere maggiori ricordiamo quelle sulla teoria della luce e dei colori: fu infatti il primo a dimostrare che la luce bianca è composta dalla somma delle ‘frequenze’ di tutti i colori; quella sulle leggi del moto (la teoria dell’inerzia, la teoria di proporzionalità tra la forza e l’accelerazione e la legge di azione e reazione).

Newton occupa sicuramente una posizione centrale nella storia della scienza. Le sue tesi, rivoluzionarie al tempo della loro formulazione, vennero poi confermate da altri scienziati di livello mondiale come Albert Eistein, Max Plank, Heinrich Rudolf Hertz e James Clerk Maxwell.

Tra le curiosità che lo riguardano, sembra che durante un dettagliato studio di ottica, fece di se stesso la principale cavia, sondando il suo occhio con un ago smussato tipo punteruolo. Si presume abbia avuto due esaurimenti nervosi in relazione ad una disputa su aspetti legati alla sua teoria di ottica. Newton attribuì alla mancanza di sonno la causa degli esaurimenti, anche se gli storici menzionano altre cause possibili, tra cui l'avvelenamento chimico da esperimenti e gli effetti della sua depressione cronica.

 

condividi su twitter
Ritwitta l'indovinello per giocare con i tuoi amici! 

 

 

LOGO BUONO

Resta aggiornato sui nuovi contenuti!

Unisciti a +1000 persone che stanno scoprendo qualcosa di BUONO!
Iscriversi è gratuito, cancellarsi.. anche. Prova!


Letto 992 volte
Ultima modifica il 08 Marzo 2017
Benedetta Battistelli

Nata a Terni nel 1982, laureata in chimica e tecnologia farmaceutiche nel 2008 e nel 2012 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca. Insegna chimica nelle scuole superiori e lavora in farmacia come farmacista collaboratore.