BUONO 08 Novembre 2016

La riunione familiare in apicoltura

Nonostante il clima impazzito che stiamo vivendo, il caldo sta pian piano lasciando il posto al freddo e l’inverno sta arrivando. Quando si pratica apicoltura bisogna essere preparati all’avvicinarsi del freddo e non ridursi all’ultimo momento con le pratiche da svolgere in apiario.

20BUONI2 04 Novembre 2016

Buono #1 - Chi sono?

Matematico, fisico, filosofo naturalista, astronomo, teologo e alchimista. Newton è considerato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi.

20BUONI2 24 Ottobre 2016

Buono #11

Naturalista ed esploratore fu il primo al mondo a studiare con metodo scientifico il mimetismo negli animali.

20BUONI2 24 Ottobre 2016

Buono #16

Nato in Francia nella città di Clermont il 19 giugno del 1623 è stato scienziato e filosofo.

20BUONI2 17 Marzo 2017

Buono #18

Thomas D. Seeley nasce nel 1952 e cresce a Ithaca, nello stato di New York, USA. Consegue la laurea in Chimica ma capisce che la sua vera passione non è destreggiarsi in un laboratorio tra gli elementi della tavola periodica: quello che veramente lo attrae nella natura è fuori, tra i fiori, nelle cavità tiepide e asciutte degli alberi o delle rocce.

20BUONI2 24 Ottobre 2016

Buono #10

Alessandro Volta Nasce a Como il 18 febbraio 1745 da una famiglia nobile. Cresce e si forma nella sua città natale, a quel tempo parte della Lombardia austriaca.

20BUONI2 18 Novembre 2016

BUONO #3 Chi sono?

Christaan Barnard chirurgo sudafricano nato a Provincia del Capo nel 1923 e morto a Pafo, Cipro nel 2001. Dopo aver compiuto gli studi in medicina laureandosi all’università di Città del Capo, perfezionò la sua ricerca con un corso di specializzazione in chirurgia cardiotoracica all'Università del Minnesota (1956-58).

20BUONI2 25 Novembre 2016

BUONO #4 Chi sono?

Don Giuseppe Mercalli fu un grande vulcanologo e sismologo italiano, famoso per la scala di intensità dei terremoti che prende il suo nome e che si basa sugli effetti prodotti dal sisma su persone, manufatti e terreno.

20BUONI2 22 Ottobre 2016

Buono #19

Archimede è senza dubbio il più grande scienziato dell’antichità. Ancora adesso scienziati moderni tentano di risolvere i suoi stessi quesiti non sempre con successo. Purtroppo una grande quantità della sua produzione è andata perduta in saccheggi e censure, ma recentemente un volume importantissimo dei suoi codici, "il Palinsesto", è stato ritrovato, nascosto in un manoscritto di canti religiosi medioevali e decifrato.

Il Palinsesto, insieme al trattato sul Metodo, ha permesso di chiarire i fondamenti del pensiero archimedeo. Archimede introdusse il metodo scientifico sperimentale che solo Galileo, 18 secoli dopo, riuscì ad affermare. Secondo il grande scienziato siracusano, la matematica si può completare solo con la fisica e dunque la deduzione necessita per forza dell’intuizione.

I suoi spunti tecnologici hanno trovato applicazioni ingegneristiche importantissime, in particolare per strumenti bellici: il principio della leva, il principio del galleggiamento e della spinta verso l’alto dei corpi nei fluidi, gli specchi ustori, la vite senza fine ne sono solo alcuni esempi.

Tuttavia egli era un uomo del suo tempo, manteneva perciò un pensiero classico: il suo interesse era primariamente teorico, le applicazioni pratiche avevano per lui un ruolo secondario. Rivoluzionari furono i suoi studi geometrici: i volumi dei solidi di rotazione, l’area del cerchio incluso il calcolo del π, i poliedri regolari, la spirale, i tangram.

Si narra che Archimede usasse ragionare ovunque si trovasse, tracciando figure e calcoli sul terreno, e fu così che venne sorpreso da un soldato romano, durante il saccheggio di Siracusa del 212 a.C., ed ucciso. La storia del suo assassinio è stata narrata e rappresentata da centinaia di artisti.

 

condividi su twitter
Ritwitta l'indovinello per giocare con i tuoi amici! 

 

20BUONI2 22 Ottobre 2016

Buono #9

Pitagora fu uno dei più grandi matematici e filosofi dell’antica Grecia, famoso soprattutto per il noto Teorema a lui attribuito, il quale afferma che in un triangolo rettangolo la somma dei quadrati costruiti sui cateti è uguale al quadrato costruito sull’ipotenusa.