11 Curiosità sulle api 11 Curiosità sulle api © Carlo Taccari / FreakinART.com
CURIOSITÁ 11 Gennaio 2016

11 curiosità che non avresti mai immaginato sulle api

Vota questo articolo
(0 Voti)

Sulle api avrai già letto e sentito moltissime cose eppure questi piccoli insetti sono pieni di soprese per tutti noi e non si finisce mai di scoprire qualcosa di nuovo. E quindi sei pronto..?

 

01 LE API PRODUCONO CIBO PER L'UOMO

Le api sono gli unici insetti a produrre un cibo buono anche per l'uomo

Sembra banale ma forse non sai che le api sono l’unico insetto capace di produrre un alimento commestibile anche per l’uomo.

 

02 LE API SONO INSTANCABILI LAVORATRICI

2 api fiori

Per un singolo volo di ricognizione un’ape è capace di visitare tra i 50 ed i 100 fiori.

 

03 2.737.500 FIORI PER 1KG DI MIELE

3 api orbita

E’ la stima del numero di fiori visitati da una famiglia di circa 30mila api che annualmente produce tra 20-30kg di miele. Più o meno è come dire che per fare 1kg di miele una colonia deve compiere tre volte l’orbita terrestre.

 

04 LE API SONO REGINE DEL POWER NAP

Regine del powernap

Con tutto questo lavorare sembra quasi che le api siano insonni. Eppure una ricerca ha dimostrato che per brevi periodi di tempo (circa 30 secondi) le api possono fermarsi, il loro corpo si rilassa e diventano prive di risposta a quello che succede intorno a loro. Queste fasi di sonno diventano più regolari con l’avanzare dell’età mentre sono più sporadiche nelle api più giovani.

 

05 LE API HANNO UNA GRAN TESTA

le api hanno un gran cervello

Chiunque abbia visto un nido d’ape con la sua caratteristica struttura ad esagoni ne sarà rimasto affascinato e lo stesso Galileo Galilei era estasiato dalla capacità delle api di ottenere angoli così precisi. Ebbene, nonostante il loro cervello sia poco più grande di un seme di sesamo, le api sono grandi calcolatrici ed hanno dimostrato di essere in grado di apprendere e ricordare per compiere ragionamenti complessi, calcolare le distanze, imparare da api con maggiore esperienza e migliorare la propria efficienza.

 

06 OGNI FAMIGLIA HA IL SUO ODORE

ogni famiglia di api, o colonia, ha il suo odore caratteristico

Non tutti sanno che ogni colonia di api ha il proprio odore caratteristico che permette agli individui che la compongono di riconoscersi facilmente tra loro e di escludere eventuali visitatori non graditi.

 

07 TRA LE API SOLO LE FEMMINE PUNGONO

solo le femmine sono capaci di pungere

Il pungiglione delle api è un organo di deposizione delle uova (ovodepositore) modificato per poter espellere veleno invece che uova. Questo significa che soltanto le femmine possono pungere. Ma non temere, pungono solo quando si sentono minacciate, non attaccano di proposito.

 

08 LE ALI DI UN’APE POSSONO COMPIERE 11.000 BATTITI AL SECONDO

meglio del battito d'ali di un colibrì!

E’ la frequenza con cui le api possono battere le loro ali e questa velocità serve loro per fare tantissime cose come ad esempio mantenere una temperatura costante all’interno dell’alveare durante tutto l’arco dell’anno

 

09 LE API TI TENGONO D’OCCHIO

le api sono come noi umani quando si parla di riconoscimento facciale

Se ti sei mai trovato a pensare che un’ape ti seguisse di proposito è capace che avevi ragione. Proprio come noi umani anche le api sono capaci di riconoscere i volti identificando un’insieme di linee e forme come un pattern che possono tenere in memoria e riutilizzarlo più avanti.

 

10 LE API HANNO UNA PERSONALITA'

le api hanno una loro personalità

Anche negli alveari ci sono lavoratori e scansafatiche. E’ stato visto di recente infatti che mentre alcune api sono più attive e magari anche più amanti dell’avventura, altre sono più timide e riservate.

 

11 LE API SI ORIENTANO COME I VICHINGHI

Le api si orientano come facevano i vichinghi

E’ stato osservato che le api sono capaci di utilizzare il sole come una bussola per orientarsi nell’ambiente. E quando il cielo è nuvolo? Hanno trovato una soluzione anche per questo riuscendo a navigare grazie a speciali recettori che attraverso la percezione della luce polarizzata fanno capire all’ape la posizione del sole nel cielo.

 

 

LOGO BUONO

Resta aggiornato sui nuovi contenuti!

Unisciti a +1000 persone che stanno scoprendo qualcosa di BUONO!
Iscriversi è gratuito, cancellarsi.. anche. Prova!


Letto 12952 volte
Ultima modifica il 08 Marzo 2017
Carlo Taccari

Nato a Roma nel 1980, laureato nel 2010 in Biologia Evoluzionistica. Presidente dell'Associazione è fotografo e grafico professionista. Si occupa per “BUONO” degli aspetti relativi alla comunicazione e all’immagine dell’Associazione.